06. Il giorno del Signore

06. Il giorno del Signore

Premessa

«Nella storia dell’umanità il giorno festivo ha attenuato la schiavitù dell’uomo e gli ha ricordato che esiste un “padrone” nel cielo, superiore a qualunque padrone terreno, che è dalla parte dei poveri e degli oppressi. E anche oggi il giorno festivo settimanale assolve una funzione importante. La nostra attenzione viene, infatti, continuamente sollecitata per proporci consumi, per imporci un attivismo frenetico, per insegnarci a divertirci spendendo. Tra questi stimoli rischiamo di dimenticare noi stessi. Il sabato biblico serve al credente per riscoprire se stesso e il suo rapporto con il Creatore.

Non dobbiamo concepire il tempo come radicalmente diviso fra sacro e profano: tutto il tempo può essere dedicato alla gloria di Dio, anche quello utilizzato lavorando. Ma il Signore ci conosce e sa che solo fissando dei limiti possiamo regolare la nostra vita secondo un progetto equilibrato. Ecco che, paradossalmente, un divieto, invece di rappresentare un limite per la libertà e la dignità dell’uomo, tende a esaltarne tutte le potenzialità. Il sabato non va vissuto come facevano i farisei, come un insopportabile codice di divieti. Gesù ha rovesciato questa concezione: “... Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato” (Mr 2:27).

Ma perché proprio il sabato e non la domenica o un altro giorno? La risposta è allo stesso tempo semplice e complessa. Il fatto che la domenica non abbia basi bibliche risulta evidente anche a una lettura superficiale del Nuovo Testamento. Perché allora proprio il sabato? Nel racconto biblico il sabato risale direttamente alla settimana creativa, è il settimo giorno durante il quale Dio “si riposò” dando un esempio all’uomo, offrendo un dono non a un popolo ma all’intera umanità.

Gli avventisti credono che nessuna autorità terrena, neppure la chiesa, possa cambiare o eliminare un comandamento di Dio. Come sarebbero diversi e migliori, gli uomini se riuscissero un giorno su sette a ritrovare la propria dimensione più profonda, riscoprendo il loro Dio e Creatore! La chiesa avventista invita tutti a fare questa esperienza che, se capita nel suo giusto valore, può arricchire enormemente la vita di ognuno» (V. Fantoni e R. Vacca).

DOMANDE E RISPOSTE

1. Perché la chiesa avventista osserva come giorno di riposo il sabato?

2. Dov’è scritto che si debba osservare il sabato?

3. Perché la maggior parte delle chiese osserva la domenica?

4. I primi cristiani s’incontravano nel primo giorno della settimana. Questo non dovrebbe provare che la domenica aveva occupato il posto del sabato?

5. Con la venuta di Cristo i comandamenti del Vecchio Testamento sono stati aboliti?

6. In che modo la chiesa avventista ricorda la risurrezione di Cristo?

7. Come si fa a rispettare il comandamento del sabato in una società dove è richiesto di lavorare senza tener conto di festività e giorni di riposo particolari?

8. È la stessa cosa osservare la domenica al posto del sabato astenendosi dal lavoro e andando in chiesa?

9. Quale rapporto c’è fra l’osservanza del sabato e la grazia?

10. In breve, quale utilità possiamo trarre dall’osservanza del sabato per l’uomo moderno?

01. Ventitre motivi per osservare il sabato

di Giovanni Leonardi* «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti» (Giovanni 14:15). Molti credono che come cristiani non siamo più tenuti a osservare il sabato. Alcuni pensano che non c’è nessun giorno specifico da dedicare al riposo ma che ognuno lo fa quando può o gli conviene, per cui anche la domenica è osservata non …

0 comments

02. Dal Sabato alla Domenica (breve excursus storico)

Past. Francesco Zenzale Aspetti introduttivi Il Sabato come giorno speciale di riunione e di devozione dei cristiani affonda le sue origini nella Parola di Dio: nell’insegnamento dei profeti, di Gesù Cristo e degli apostoli.[1] Come riconosceva il cardinale Gibbons: «Potete leggere la Bibbia dalla Genesi all’Apocalisse e non troverete una sola parola che autorizzi la …

0 comments

03. Risposte alle obiezioni inerenti l’osservanza del sabato

«Il vostro parlare sia sempre con grazia, condito con sale, per sapere come dovete rispondere a ciascuno» (Colossesi 4:6) Scrive, P. Giuseppe Piccinno, «La storia della domenica cristiana nel periodo che va dal «giorno della risurrezione di Cristo» fino a Costantino ci dice che la domenica non era giorno di riposo ufficiale. I cristiani lavoravano …

0 comments

04. La legge di Dio

Studio tratto dal libro LA CONFESSIONE DI FEDE DEGLI AVVENTISTI DEL 7° GIORNO – Le 28 verità bibliche fondamentali – Ed. AdV – Firenze, 2010,  cap. 19 “La Legge di Dio”. I grandi principi della legge di Dio sono contenuti nei dieci comandamenti e sono stati manifestati nella vita di Cristo. Essi sono l’espressione dell’amore …

0 comments

05. Legge e Grazia

«Voi non siete sotto la legge, ma sotto la grazia» (Rm 6:14). Questo studio è stato tratto dal libro “La legge di libertà” di R. Badenas, ed. AdV, Impruneta, (Fi) Per il suo equilibrio spirituale l’uomo necessita, allo stesso tempo, della legge e della grazia, di norme che lo orientino e della possibilità di inquadrare …

0 comments

06. Il Sabato

Studio tratto dal libro LA CONFESSIONE DI FEDE DEGLI AVVENTISTI DEL 7° GIORNO – Le 28 verità bibliche fondamentali – Ed. AdV – Firenze, 2010,  cap. 20  “Il Sabato”. Il Creatore, dopo i sei giorni della creazione, si riposò il settimo giorno e istituì il sabato come memoriale della creazione. Il quarto comandamento dell’immutabile legge …

0 comments

07. La Grazia e il Sabato

Il valore del sabato è tale che qualcuno affermò che «Quando Israele osserverà un solo sabato secondo le prescrizioni, il Messia verrà» (Esodo Rabba 25:12). “Le tradizioni e i costumi degli uomini non devono mai prendere il posto della verità rivelata” (E. G. White).[1] Gesù gli disse: «Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina». E …

0 comments